Frutta Prostata: Consigliata e Da Evitare

In questo articolo vogliamo approfondire quale frutta mangiare per la prostata ingrossata e per tenere in buona salute la propria prostata.

Frutta Prostata: Consigliata e Da Evitare

Sappiamo che il cibo influisce sulla prostata e permette di migliorare i sintomi ed i fastidi di una prostata ingrossata e, insieme ad integratori come la Serenoa Repens per la prostata, permette di tenere abbastanza sotto controllo questa problematica.

Ma vediamo nel dettaglio qual’√® la frutta consigliata e quella da evitare per tenere in buona salute la propria prostata.

Frutta consigliata per la prostata

Melograno

Il melograno è una ricca fonte di antiossidanti. Il succo di melograno ha la reputazione di essere un superfrutto grazie ai suoi alti livelli di antiossidanti, che possono aiutare a prevenire le malattie croniche legate allo stress ossidativo.

Secondo uno studio del NIH americano, il succo di melograno e alcuni dei suoi componenti bioattivi possono contribuire a inibire la proliferazione delle cellule del cancro alla prostata, anche se sono necessarie ulteriori ricerche sull’uomo (fonte).

√ą possibile acquistare il succo di melograno nella maggior parte dei negozi di alimentari, oppure online scontato su Amazon. Se non ti piace il sapore del succo perch√© troppo forte, potresti pensare di diluirlo con dell’acqua.

Volendo, potresti anche aggiungere i semi di melograno come condimento per la tua insalata.

Frutti di bosco

I frutti di bosco, come fragole, more e lamponi, sono ricchi di vitamina C e di antiossidanti.

Gli antiossidanti svolgono un ruolo importante nell’organismo in quanto prevengono i danni dei radicali liberi, molecole che attaccano le cellule sane e possono diminuire il rischio di cancro. La vitamina C, inoltre, pu√≤ contribuire ad alleviare i sintomi dell’iperplasia prostatica benigna (IPB), favorendo la minzione e riducendo il gonfiore.

Qual è un modo semplice e veloce per preparare uno spuntino sano e ricco di vitamina C?

Potresti frullare una varietà di frutti di bosco e verdure con latte e proteine in polvere: mirtilli, banana, latte, proteine in polvere, burro di arachidi e ghiaccio sono un frullato perfetto, ricco di nutrienti ma semplice da preparare.

Una tazza di fragole contiene circa 90 milligrammi di vitamina C, mentre una tazza di mirtilli circa 14 mg. Altre ottime fonti di vitamina C sono gli agrumi, il melone, gli spinaci, i broccoli e il mango.

Cocomero

Il cocomero è un alimento fondamentalmente estivo, privo di grassi e di sodio, ma ricco di vitamine A e C.

L’anguria √® anche un’ottima fonte di licopene, l’antiossidante che conferisce il colore agli alimenti rossi come i pomodori e le angurie.

Alcune ricerche suggeriscono che il licopene può contribuire a ridurre il rischio di cancro alla prostata.

Oltre che nel cocomero, si trova anche in pomodori, albicocche, pompelmo rosa, guava e papaya.

La maggior parte degli adulti dovrebbe assimilare circa 10 mg di licopene al giorno.

Albicocche

Le albicocche sono un altro frutto interessante per la salute della prostata, ma bisogna evitare di fare di testa propria.

Qualche tempo fa, negli USA un uomo di 67 anni si è avvelenato mangiando noccioli di albicocca (fonte). Era in remissione per un cancro alla prostata e sembrava in buona salute.

L’uomo si √® recato in ospedale per un “intervento di routine” e i medici sono rimasti scioccati nello scoprire che aveva livelli di ossigeno nel sangue molto bassi.

Hanno invece trovato alti livelli di cianuro, un veleno che può uccidere una persona in pochi minuti se ne ha una dose sufficientemente alta nel sangue.

L’uomo non stava cercando di avvelenarsi lentamente, ma piuttosto il contrario: negli ultimi cinque anni aveva mangiato noccioli di albicocca e integratori di noccioli nel tentativo di mantenere il suo cancro alla prostata in remissione.

L’amigdalina, composto che si trova nei noccioli di albicocca, √® in grado di uccidere le cellule tumorali ed √® descritta come una miracolosa cura naturale. Tuttavia, la tossicit√† del cianuro √® un aspetto che bisogna tenere in considerazione e che non dovrebbe spingerci a fare come quest’uomo.

Pompelmo

Nel corso degli anni sono state sviluppate diverse terapie per il trattamento del cancro alla prostata in stadio avanzato, ma esse hanno spesso gravi effetti collaterali.

Per migliorare i risultati con minori effetti collaterali, uno studio si è concentrato sui benefici del pompelmo per la prostata.

All’interno del succo di questi agrumi, infatti, c’√® la bergamottina, una furanocumarina naturale che √® un potente inibitore del CYP3A.

Degli studi recenti hanno dimostrato che l’inibizione del CYP3A5 pu√≤ bloccare la segnalazione del recettore degli androgeni (AR), fondamentale per la crescita del cancro alla prostata.

La bergamottina riduce la crescita delle cellule di cancro alla prostata diminuendo l’AR totale e nucleare (attivazione dell’AR) e riducendo la segnalazione dell’AR a valle.

Il ruolo della bergamottina nel ridurre l’attivazione dell’AR √® stato confermato da studi di microscopia confocale e dalla riduzione dei livelli di antigene prostatico specifico (PSA), un marcatore del cancro alla prostata.

Ulteriori studi hanno rivelato che la bergamottina favorisce il blocco del ciclo cellulare, accompagnato da una riduzione di ciclina D, ciclina B, CDK4, P-cdc2 (Y15) e P-wee1 (S642).

Inoltre, la bergamottina può sopprimere la crescita del cancro alla prostata, soprattutto nei pazienti afroamericani (AA) che spesso presentano una malattia aggressiva.

Frutta da evitare per la prostata

In realtà non abbiamo trovato informazioni sulla frutta da evitare per la prostata ingrossata e per il cancro alla prostata (basta evitare di avvelenarsi con i noccioli di albicocca).

Continueremo a tenere controllati studi e ricerche e non appena avremo novit√† su questo aspetto fondamentale della salute dell’uomo, aggiorneremo questa pagina.

Leave a Reply