Antinfiammatori naturali

Gli antinfiammatori naturali o quelli classici combattono le infiammazioni, ovvero tutta una serie di reazioni aggressive che il corpo aziona contro un “nemico”, o contro un problema da risolvere.

Antinfiammatori naturali

Le infiammazioni sono dunque eventi positivi che proteggono tutto l’organismo contro un attacco – di virus, batteri, allergeni – che potrebbe causare danni peggiori. Ma questa difesa a oltranza genera fastidi e dolori, noi la percepiamo come qualcosa che fa star male e ovviamente vogliamo trovare sollievo da essa. Di solito è bene lasciare che l’infiammazione faccia il proprio corso almeno per uno o due giorni, così che il nemico da battere venga eliminato; e agire sui sintomi fastidiosi al terzo giorno. Ma spesso questi sintomi sono talmente pesanti che bisogna intervenire immediatamente. Ricordiamo che ovviamente in qualunque caso è sempre bene rivolgersi al proprio medico curante.

Antinfiammatori, la soluzione contro le reazioni del corpo

Per sedare i sintomi di una infiammazione – dolore, rossore, gonfiore, febbre – si agisce normalmente con gli antinfiammatori. Si tratta di farmaci, dunque a base chimica, che a seconda del problema intervengono in un modo o in un altro per dare sollievo. Tra gli antinfiammatori più noti e usati si distinguono i cortisonici (o steroidei)e i FANS (farmaci antinfiammatori non steroidei).

Antinfiammatori cortisonici

I primi, quelli cortisonici, sono molto diretti ma anche molto pesanti, bloccano alcune azioni del sistema immunitario; fanno sentire subito meglio ma rallentano la guarigione della malattia contro la quale l’infiammazione agiva.

Antinfiammatori FANS

I FANS agiscono sul processo della infiammazione e sono più tollerati dal corpo umano: fanno parte di questa seconda categoria le pillole contro il mal di testa o i dolori da ciclo e i farmaci contro i dolori cronici.

Ma non tutti sono favorevoli a combattere un problema con sostanze chimiche. Non tutti amano i farmaci e alcuni, a loro volta, sono invece allergici alle sostanze dei farmaci stessi. Ci sono persone che pensano che la natura debba fare il suo corso e che per alleviare i sintomi occorra qualcosa di leggero e altrettanto naturale. Esistono antinfiammatori naturali?

Antinfiammatori naturali, quali sono?

Prima che l’uomo sperimentasse i metodi rapidi a base di sostanze chimiche, ovvero i farmaci, gli antenati sapevano già curarsi. Usavano – tramandandosi di padre in figlio – l’azione di alcune piante, o minerali, o sostanze naturali che placavano e davano sollievo in caso di febbri, ustioni, malattie, reazioni allergiche. Oggi si sta riscoprendo il mondo degli antichi rimedi naturali “della nonna” e sorprende vedere quanti sono gli antinfiammatori naturali che si possono sostituire o affiancare ai farmaci.

Elenco dei migliori Antinfiammatori naturali:

  • ananas;
  • artiglio del diavolo;
  • pianta della spirea;
  • malva;
  • arnica;
  • miele
  • miele di manuka;
  • mirtilli rossi;
  • curcuma;
  • zenzero;
  • peperoncino;
  • aglio
  • gel di aloe vera.

L’ananas, ad esempio, è un ottimo antinfiammatorio naturale. La sua polpa deliziosa e il gambo contengono bromelina, una sostanza che agisce sulla zona colpita da infiammazione e stimola il drenaggio favorendo la circolazione e dunque la ripresa di “energia” delle cellule, che guariscono quasi da sole.

Un altro antinfiammatorio naturale è l’artiglio del diavolo, una pianta grassa dal fiore bellissimo e strano, uncinato come un artiglio, dalle cui radici si estraggono sostanze analgesiche: calmano il dolore mentre il sistema immunitario continua ad agire contro il nemico. Ottimo rimedio contro il dolore alle articolazioni o in caso di artrite e artrosi.

La pianta della spirea, una rosacea, è invece l’antidoto in caso di bruciore e dolore e ha una ottima azione contro la febbre.

La malva che grazie alle sue mucose idrata e sgonfia soprattutto stomaco e intestino in caso di malattie croniche o operazioni chirurgiche. Ottimo anche in caso di reflusso gastroesofageo

L’arnica va benissimo contro i lividi, il miele contro i problemi infiammatori della pelle, mirtilli rossi e curcuma agiscono contro cellulite, artrite e infezioni intestinali o urinarie, cistite,

Sempre parlando di miele va sicuramente considerato il miele di manuka (qui un ottimo prodotto); questo miele è ovviamente naturale al 100% e ha alte proprietà antibatteriche riconosciute e certificate. La pianta di Manuka si trova soprattutto in Nuova Zelanda e in alcune zone dell’Australia.

Anche zenzero, peperoncino e aglio sono antinfiammatori naturali conosciuti e usati da secoli.

L’importanza dell’aloe

Merita un discorso a parte l’aloe (qui il prodotto gel). La piccola pianta grassa dalla quale si estraggono gel, tisane, trattamenti è diventata la moda del momento! La si ritrova ovunque, ogni cosa oggi è “a base di aloe”. Se l’avete in casa potete usarla anche staccando una foglia, tagliandola e spalmando il gel su una zona della pelle che prude, che brucia o che deve essere sanata.

Lenitiva, disinfettante, antinfiammante, l’aloe agisce sia fuori che dentro il corpo. Va bene per i problemi della pelle ma anche per infiammazioni intestinali e delle mucose (qui il succo da bere).

L’aloe si usa per i trattamenti di bellezza e per agire su soggetti allergici proprio perché è quasi priva di controindicazioni e funziona praticamente sempre!

Come scegliere i migliori antinfiammatori naturali?

Per scegliere i migliori antinfiammatori naturali bisogna affidarsi all’esperienza di medici omeopatici, di bravi erboristi ma oggi si può chiedere anche ai farmacisti che sempre più si stanno specializzando anche nel settore dei rimedi naturali. Mai fare di testa propria perché anche le piante vanno usate secondo criteri ben precisi! In un vastissimo panorama di ottimi rimedi naturali contro le infiammazioni … quale scegliere? Come si fa?

La cosa migliore da fare è concentrarsi su quale disturbo si vuole combattere e magari farlo con il rimedio che agisce meglio su quello specifico problema. Non seguite il “sentito dire” oppure la moda del momento. L’aloe è ormai ovunque e tutti la lodano, ma non va usata su qualsiasi tipo di infiammazione. Per alcuni sintomi vanno molto meglio l’ananas, lo zenzero, la malva o le semplici camomille! I migliori antinfiammatori naturali in assoluto sono di sicuro: aloe, ananas, spirea, malva, zenzero e aglio. Ma con la guida saggia di un bravo erborista, di un farmacista o di uno specialista omeopatico troverete il rimedio migliore e più adatto a voi in quella situazione.

Funzionano davvero? E come?

Molti antinfiammatori naturali funzionano, e funzionano bene. Magari non agiscono con effetto immediato, come i farmaci, ma danno i loro risultati. Ciò perché non aggrediscono il corpo, gli “insegnano” lentamente a calmare certe reazioni. E lo fanno usando sostanze naturali, che esso riconosce e tollera benissimo.

Bisogna comunque ricordare che, proprio a causa della lentezza dell’azione, questi rimedi naturali dovrebbero affiancare i farmaci e non sostituirli mai del tutto. Per problemi poco gravi possono anche essere dei validi sostituti, ma se l’infiammazione è grave, cronica o se è insorta a seguito di malattie o operazioni chirurgiche, fate in modo che sia il medico a giudicare. E che sia una cura farmaceutica ad agire in modo più risolutivo sul problema. L’antinfiammatorio naturale potrà aiutare l’azione del farmaco e dare sollievo senza eccedere troppo in tossicità.

Leave a Reply