Labbro Leporino (o Labioschisi) nel bambino: cause, conseguenze. Si vede dall’ecografia?

La Labioschisi, più conosciuta come Labbro Leporino, è una malformazione congenita che attualmente colpisce con una frequenza di un bambino su 750 nati.

Labbro Leporino (o Labioschisi) nel bambino: cause, conseguenze. Si vede dall'ecografia?

Fortunatamente si tratta di un problema risolvibile: ecco cosa c’è da sapere e cosa fare.

Labbro Leporino: definizione

La Labioschisi, o Labbro Leporino, consiste nella mancata saldatura, nella vita embrionale, quindi durante la gravidanza, delle tre parti che costituiscono il labbro superiore (l’espressione comune che indica il difetto si riferisce alla somiglianza con la bocca delle lepri).

Lenti a contatto Acuvue

Si può verificare con diversi livelli di gravità, da una fessura non troppo invasiva sul labbro fino ad arrivare alla completa separazione da esso fino alla base del naso.

La suddetta separazione inoltre (schisi), può essere in due modi: unilaterale se riguarda un solo lato del labbro, bilaterale se, invece, lo investe per intero.

Labbro Leporino: cause

Ma quali sono le cause del Labbro Leporino? Da cosa dipende?

In realtà la questione è piuttosto complessa e, per certi aspetti, anche controversa.

In linea di massima si distinguono due classi di fattori: ereditari ed ambientali.

Gli studi in merito sono chiari: in circa il 25% dei casi, il Labbro Leporino dipende da una predisposizione familiare su base genetica.

Alcuni geni “difettosi” responsabili della formazione delle strutture anatomiche coinvolte nella malformazione infatti, ne sarebbero la causa.

Tuttavia sono decisamente più numerosi i casi di Labioschisi derivanti da fattori ambientali e, soprattutto, quelli a cui il feto viene esposto nei primi tre mesi di gestazione.

Fra i più incriminati ci sono le radiazioni, l’uso poco consono di determinati tipi di farmaci, l’età materna avanzata, l’alcol e il fumo (attivo e passivo).

Problemi fisici e psicologici

Il Labbro Leporino è una malformazione vistosa che, da danno estetico, può comportare anche disturbi psicologici ad esso connessi.

Il bambino colpito, quasi sempre, si sente diverso dagli altri e tale convinzione può portarlo a chiudersi in se stesso, rifiutando il contatto con i coetanei.

Ma non solo: la Labioschisi dà evidenti fastidi fisici, primo fra tutti la difficoltà nell’alimentarsi.

Difficilmente il neonato affetto da Labbro Leporino riesce a succhiare il latte materno con facilità e, inoltre, può manifestare un certo impaccio nel linguaggio ed è altamente probabile che, dopo l’intervento chirurgico, ci si debba rivolgere ad un logopedista per una corretta “rieducazione” in tal senso.

L’intervento chirurgico per correggere la Labioschisi

La buona notizia è che oggi la Labioschisi si può risolvere con un intervento chirurgico.

Lo specialista agisce con un’operazione ricostruttiva nella quale, attingendo dai tessuti circostanti (non da altre zone del corpo), risana completamente la pelle e la muscolatura del labbro.

Salvo diversa prescrizione, si opera nei primi sei mesi di vita del bambino in anestesia totale. (fonte: https://operatio nsmile.it/cosa-facciamo/labbro-leporino/).

Diagnosi Labbro Leporino: si vede dall’ecografia?

La diagnosi di labbro leporino è prenatale e si effettua tramite ecografia.

E’ di fondamentale importanza che i genitori, dopo un’ecografia sospetta, si rivolgano immediatamente ad un centro pediatrico specializzato, dove saranno seguiti passo passo verso la risoluzione del problema.

Qui, durante la visita prenatale, si effettua una ulteriore ecografia, che è sempre quella morfologica con ricostruzione tridimensionale (3D), inoltre si può contare su un eccellente sostegno medico, anche psicologico, fino al parto.

Una volta che il bambino è nato si torna a visita, si eseguono ulteriori indagini (solo in casi rarissimi può presentarsi ritardo mentale) si pianifica l’intervento chirurgico per Labbro Leporino, il percorso di cura successivo ad esso e i controlli da effettuare fino all’età adulta (fonte: http://www.ospedalebambinogesu.it/labiopalatoschisi#.YDsEh29Kjcc).

Conclusioni

Oggi il Labbro Leporino è decisamente meno temuto di una volta, poiché la corrente scienza medica ci fornisce le armi adatte per affrontarlo e sconfiggerlo.

Ecco perché una diagnosi prenatale (o anche successiva) di Labioschisi non deve allarmare, ma semplicemente indirizzare a seguire la strada giusta per risolvere la situazione nel miglior modo possibile, ovvero rivolgersi ad un centro specializzato e ottemperare scrupolosamente alle prescrizioni fornite dai medici.