Psoriasi: sintomi, cure e cause. È contagiosa?

La Psoriasi è certamente una delle patologie più comuni ai tempi d’oggi. Negli anni sono stati fatti molti studi su questo problema, grazie ai quali si hanno a disposizione molte soluzioni. Una delle domande che molti si pongono quando si parla di questa malattia è se possa essere o meno contagiosa, e la risposta a questo quesito è no.

Psoriasi: sintomi, cure e cause. È contagiosa?

Nel nostro articolo entreremo nel dettaglio di cosa sia la Psoriasi, andando a parlare nello specifico di quali siano le cause che la possono scatenare, i sintomi che ci possono dire di essere in presenza di questa problematica, e infine, quali sono le cure da seguire per risolvere la situazione.

Cos’è la Psoriasi

La prima cosa da dire in merito a questa patologia è cosa sia, e di fatto la psoriasi è quello che in gergo medico si definisce disturbo autoimmune specifico dei tessuti, il quale possiede per sua natura un andamento cronico-recidivante, in seguito al quale si formano sulla pelle chiazze gonfie, rosse e squamose.

Negli ultimi anni gli specialisti hanno osservato che una delle sue caratteristiche è l’aumento dell’attività miotica dell’epidermide, la cui eziologia è però ancora oggi non del tutto definita.

Uno dei luoghi comuni è il fatto di essere detta la malattia dei sani o dei forti, mentre invece la sua comparsa è spesso associata a problematiche di salute già preesistenti che possono essere più o meno gravi.

Cause della psoriasi

Prima di vedere nel dettaglio quali possono essere le cause della comparsa della psoriasi, si deve fare una premessa. Si dice infatti che, sebbene l’aspetto genetico non sia stato ancora del tutto compreso e chiarito dagli esperti in materia, esso giochi un ruolo ben preciso nella manifestazione della patologia.

Oltre dunque ai fattori ambientali, si ha come certezza una predisposizione genetica, che insieme alle difese immunitarie ha dunque un certo peso nello sviluppo della psoriasi. Per quel riguarda i fattori esogeni, inoltre, c’è da dire che questi possono senza dubbio aggravare la situazione, come anche a seconda dei casi attenuarla.

Secondo recenti studi, si dice che il dieci percento circa della popolazione mondiale presenta una o più varianti genetiche che possono predisporre un soggetto alla psoriasi ereditaria. C’è da dire però che, all’interno di questa percentuale solo il 2-4 percento alla fine sviluppa la malattia.

Andiamo ora a vedere quali sono le principali cause della psoriasi:

Fattori ambientali

Abbiamo visto che tra le cose a cui fare attenzione vi sono problemi legati all’ambiente circostante, infatti, se siamo in un clima molto freddo aumenta la secchezza della cute, e quindi la gravità della manifestazione. In caso contrario, quando ci si trova in un clima caldo e ci si espone alla luce del sole la problematica può migliorare.

Traumi fisici

Situazioni in cui il corpo è soggetto a stress elevato, come ad esempio fotosensibilità, herpes zoster, abrasioni, dermatiti, morsi, scottature e rasature, oppure anche situazioni invasive come gli interventi chirurgici e i tatuaggi, che possono portare a quello che è oggi conosciuto come “fenomeno di Koebner“. Si tratta nello specifico della comparsa di una lesione cutanea insieme alla malattia.

Psoriasi e infezioni

Da qualche tempo si associa questo a patologia alle infezioni da streptococco, e anche in soggetti colpiti da virus HIV di tipo 1.

Psoriasi e stress

E’ accertato che se si attraversa un periodo di forte stress, la malattia peggiora di almeno il quaranta percento. Per questa ragione una terapia che aiuti a ridurre lo stress è un modo per attenuare la sua presenza.

Psoriasi e farmaci

E’ stato recentemente scoperto che l’assunzione di particolari farmaci porta ad un aggravamento della sintomatologia. Tra i vari medicinali a cui si associa un peggioramento della malattia vi sono anche i beta-bloccanti, i farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e gli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina.

Altre cause

Altre cause che possono portare all’insorgenza della malattia sono allergie già esistenti, un’alimentazione scorretta, un uso eccessivo di alcolici e infine, il fumo.

C’è anche uno studio piuttosto recente che ha ipotizzato, sulla base dei risultati ottenuti, che c’è un legame tra la Psoriasi e la Celiachia, in quanto si pensa che il glutine inneschi i meccanismi di questa malattia autoimmune.

Tipologie di Psoriasi

Psoriasi è il termine generico con cui si indica la patologia, ma si deve tenere presente che vi sono diverse tipologie di questa malattia, che può presentarsi grave oppure lieve. Ecco quali sono:

Psoriasi Guttata (o bollosa) o a Placche

Si tratta di una forma che si vede con più frequenza nei bambini e nei giovani.

Si manifesta con piccole chiazze rosse e desquamanti, le quali possono comparire non solo sul gomito, ginocchia e cuoio capelluto, ma anche in tutto il corpo.

Praticamente si tratta di una variante che può colpire sia soggetti già affetti dalla forma classica, che quelli senza, e solitamente viene a seguito di un’infezione della gola da batteri streptococchi.

Psoriasi Volgare

In questo caso si tratta della forma più comune, caratterizzata da placche ricoperte da squame grigio argenteo agli arti, alla testa e nella zona lombare.

Psoriasi Inversa

Detta anche invertita, colpisce le pieghe cutanee, con questo si intendono le ascelle, la zona inguinale, le mani, i piedi e così via. 

Psoriasi Pustolosa

E’ una forma rara, ma che se compare è bene sapere che si tratta di una manifestazione piuttosto grave.

Si presenta con lesioni che hanno pustole, e che possono interessare il palmo delle mani, il palmo plantare, ma anche presentare sintomi diversi quali febbre, malessere, dolori alle ossa, prurito intenso, dolore e debolezza.

Psoriasi Eritrodermica

Conosciuta anche come Esfoliativa, rappresenta una delle forme più gravi. Infatti, colpisce tutta la pelle e in particolare il viso, le orecchie, le palpebre, gli occhi, le gambe, i talloni e il seno.

Psoriasi Reumatoide

Detta anche artrite psoriasica (o anche Psoriasi Artropatica), si tratta nello specifico di una malattia infiammatoria cronica a carico delle articolazioni, che interessa sia i soggetti affetti dalla forma classica, che quelli sani ma presentanti una certa familiarità.

Per la maggior parte delle volte questa la psoriasi si manifesta prima dell’artrite, ma vi sono anche casi in cui avviene il contrario. A caratterizzare la malattia sono dolore, gonfiore e rigidità delle articolazioni.

Psoriasi Genitale, dei Testicoli e del Glande

Questo problema che ovviamente interessa la zona genitale dell’uomo, e l’affezione delle parti intime è decisamente fastidiosa. Si presenta con piccole macchiette arrossate che possono essere lisce, umide o lucenti, ed essendo ricoperte da piccole squame spesso è complesso fare un preciso quadro clinico.

Psoriasi Vulvare

Praticamente si tratta di una variante che è considerabile come la forma Inversa, e che si differenzia da altri tipi di Psoriasi in quanto va a colpire più precisamente le pieghe della pelle nelle aree soggette a maggior sfregamento.

Psoriasi Seborroica

Si tratta ovviamente della variante che colpisce i soggetti già affetti da. E’ una malattia infiammatoria della pelle e colpisce maggiormente volto e cuoio capelluto.

La psoriasi seborroica è causata dalla moltiplicazione particolarmente rapida delle cellule della pelle oltre che ad un’elevata attività delle ghiandole sebacee.

Psoriasi Nummulare

Questa è una forma poco nota, in quanto questa è meno frequente di quella a placche. E’ inoltre complessa nella sua individuazione, in quanto la forma arrotondata delle placche è spesso somigliante a manifestazioni della pelle che si verificano quando si contraggono infezioni da funghi.

Psoriasi Infantile

Si tratta di una particolare forma infiammatoria cronica che colpisce specifiche zone del corpo come la pelle, le unghie e a volte anche le articolazioni.

In età pediatrica, anche nei bambini con meno di 3 anni, si manifesta con chiazza tondeggiante, rosacea e a margini netti, spesso anche rossastra e tipicamente ricoperta da squame biancastre.

Questa forma di psoriasi può essere sia con prurito che senza prurito.

Psoriasi Psicosomatica o nervosa

Come dice il nome stesso, si tratta di una versione che si manifesta quando l’aspetto emotivo prende il sopravvento. Non è una tipologia ovviamente legata a patologie specifiche, ma che richiede un consulto di un terapista che aiuti la persona a esternare il proprio disagio.

Psoriasi Interna

Quando si parla di Psoriasi Interna, ci si riferisce a quella tipologia di manifestazione che avviene in zone meno esposte, ovvero la cute dietro all’orecchio, il cuoio capelluto o la piega dei glutei.

Si tratta di una forma che si presenta con macchie rossastre e una parte bianca in superficie.

Psoriasi di Gilbert o Pitiriasi Rosea di Gibert

Detta anche Pitiriasi di Gilbert, si presenta con lesioni maculopapulari a livello del torace e dell’addome. Nello specifico, ci troviamo di fronte a quella che viene definita in ambito medico come una dermatosi benigna, la quale è caratterizzata da un decorso piuttosto lento, e presenta anche un quadro clinico preciso e specifico.

Praticamente si tratta di una dermatite piuttosto frequente e di lieve entità. Questa Pitiriasi Rosea è facilmente risolutiva, infatti, il più delle volte regredisce spontaneamente.

La Pitiriasi Rosea presenta una macchia madre tondeggiante, con diametro di 1-3 centimetri con contorni piuttosto definiti con la tendenza a desquamarsi.

Prima di andare a vedere quali sono i principali sintomi che ci informano della presenza della Psoriasi, vediamo quali altre parti del corpo, oltre a quelle in precedenza citate, possono essere interessate da questa patologia.

Dunque, possiamo osservare che la malattia si può vedere in zone del corpo come le unghie delle mani e dei piedi, il viso, le braccia, la nuca, le sopracciglia, la lingua, la fronte, la zona dove abbiamo la barba, bocca, dita delle mani e anche il naso.

Psoriasi: come riconoscerla?

Diciamo che in linea generale, osservando tra le righe del testo, si possono individuare alcuni sintomi che possono dirci di essere colpiti da Psoriasi. Infatti, quelli classici sono ovviamente la presenza di chiazze sulla pelle.

Si deve stare attenti a non confondere questa malattia che ha la caratteristica di essere eritrosquamosa, con quella che si definisce in maniera molto semplice pelle secca, ovvero la Xerosi.

In presenza di Psoriasi a essere coinvolti sono sia i vasi sanguigni che gli strati dell’epidermide, anche quelli più profondi.

Psoriasi: cuere e rimedi. Ecco come guarire

La cosa importante da sapere è che per quanto riguarda la Psoriasi esistono diverse tipologie di cure, che vanno dai rimedi naturali (i cosiddetti rimedi della nonna) e l’omeopatia, all’utilizzo di una crema, una pomata, uno shampoo e così via. Andiamo a vedere come si cura la psoriasi, e vedremo che vi sono molte opzioni a disposizione.

Psoriasi e dieta

Una delle cose da sapere in merito alla psoriasi, è che vi sono cose da mangiare e da non mangiare al fine di migliorare la situazione. L’aspetto dell’alimentazione è importante, anche nei bambini. Vediamo come primo aspetto cosa evitare e cosa fare quando ci troviamo a tavola.

Sono banditi diversi cibi, di cui i principali sono:

  • fragole,
  • pomodori,
  • peperoni,
  • alcolici,
  • caffé,
  • cibo piccante,
  • aceto,
  • dolci.

Sono invece consigliate:

  • mele cotte,
  • frutta come albicocche, ciliegie, agrumi, pesche, pere e ananas
  • verdure e insalate di vario tipo, radicchi,
  • diverse tipologie di pesci.

Psoriasi e rimedi naturali

Vediamo da vicino adesso i rimedi consigliati per specifiche varietà di Psoriasi:

Psoriasi testa: rimedi

La psoriasi del cuoio capelluto, che sia da stress o meno, è una delle manifestazioni in assoluto più fastidiose. Non solo per il prurito, ma perché essendo esquamosa, spesso si teme che gli altri la possano scambiare per forfora. Per questa problematica esistono anche rimedi naturali, oltre che ovviamente cure con farmaci specifici per la Psoriasi.

lo shampoo al tea tree oil come questo è uno dei migliori rimedi a tale problema, molto apprezzato dai consumatori. Il tea tree oil (qui il prodotto puro) è un prodotto importantissimo per la cura del cuoio capelluto, in quanto agisce da antibiotico e antibatterico naturale; sipotrebbe aggiungere, quindi, un paio di gocce di tea tree oil puro nello shampoo che si è soliti usare.

Le ultime cure in campo medico vedono anche l’utilizzo di un altro tipo di olio, ovvero quello di jojoba (qui il link al prodotto).

Rimedio Psoriasi alle mani

Questa tipologia di Psoriasi quando si manifesta è decisamente noiosa per il grande prurito che porta.

Molti si domandano questa variante di Psoriasi come inizia. Il primo avviso che si può ricevere è la presenza di vescicole o anomali arrossamenti ai palmi delle mani o in tutta la loro superficie superiore e in particolare le dita. Come combatterla?

La terapia topica è la strada migliore, le linee guida in campo medico ci danno informazioni importanti su come eliminarla. Si tratta alla fine degli stessi rimedi che si usano per le altre parti del corpo affette da Psoriasi, ovvero utilzzando prodotti a base di zolfo e acido salicilico, come anche i cosmetici emollienti e lenitivi, qui una delle migliori creme lenitive per sollievo e riparazione della pelle.

Psoriasi orecchio interno e viso, rimedi e cure naturali

l’orecchio è sicuramente una zona molto delicata del nostro corpo, e se lo vogliamo trattare in modo naturale niente è meglio tea tree oil (qui il prodotto puro), elemento che come abbiamo visto è il massimo per trattare la Psoriasi del cuoio capelluto.

Ricorsiamo che il  tea tree oil puro conviene sempre diluirlo con qualche goccia di olio di mandorle dolci come questo per evitare che sia troppo aggressivo sulla pelle.

Anche per il viso è utile affrontare il problema utilizzando una crema o prodotti emollienti, alla fine dunque, per affrontare la Psoriasi del viso è essenziale sapere come lavarsi. Con questo intendiamo dire utilizzando i prodotti giusti.

Tra i migliori saponi per la pulizia del viso e del corpo, in maniera naturale, c’è sicuramente il sapone di Aleppo (qui il link) o il sapone allo zolfo come questo.

Psoriasi vicino all’occhio

Essendo una zona molto delicata, anche nel caso di manifestazioni di lieve entità, è necessario per la cura affidarsi alla supervisioni di dermatologi e oculisti esperti. E’ solitamente richiesto l’impiego di trattamenti topici di tipo biologico.

Psoriasi e vitiligine

Il rimedio di ultima generazione è la microfototerapia, grazie alla quale si vanno ad irradiare con i raggi UVB le specifiche aree che richiedono di essere trattate, senza quindi irradiare tutto il corpo.

Psoriasi unghie rimedi

La cura per questa specifica manifestazione è quella che si avvale dei cosiddetti riducenti naturali, ovvero lo zolfo, con un sapone come questo e l’acido salicilico o ancora il tea tree oil. Grazie a questo tipo di trattamento, possiamo dire che di Psoriasi alle unghie si guarisce.

Trattamenti per psoriasi

Ecco una serie di trattamenti che si possono considerare validi:

Crema per psoriasi con cortisone o fatta in casa

Contro la Psoriasi una delle creme più utili per curarla è quella che contiene cortisone.

Nel caso però si voglia utilizzare una crema o una pomata senza cortisone, è possibile realizzarne una fatta in casa. Si estrae il gel da una foglia di aloe, o si compra direttamente il gel di aloe puro, e si aggiunge ad esso una goccia di tea tree oil e un piccolo tocco di ossido di zinco. Si mescola il tutto e si applica sulla zona da trattare. Come rimedi naturali c’è anche il limone, ottimo disinfettante e antibatterico naturale, si deve tenere presente però che una crema a base di limone potrebbe provocare frizzore nelle zone di applicazione.

Psoriasi e Omega-3

Un tipo di trattamento a cui i medici si rifanno per curare alcune tipologie di Psoriasi è quello legato all’assunzione degli Omega-3 (qui il link per l’integratore di omega-3). La ragione è legata al fatto che vi sono molte ricerche ad aver dimostrato che questi tipi di elementi sono caratterizzati da proprietà antinfiammatorie, che vanno a ridurre sensibilmente i sintomi infiammatorie di molte malattie della pelle.

Terme per Psoriasi

Vi sono molte terme in Italia che si sono specializzate nel trattamento della Psoriasi, in quanto esiste un microbiota oramai conosciuto che agisce in modo efficace su questa malattia della pelle.

In base al tipo di manifestazione che presenta un paziente, il medico potrebbe essere portato a consigliare questo specifico trattamento.

Psoriasi metodo apollo

Si tratta di un approccio diverso al trattamento della Psoriasi. In questo caso, non si va a trattare la problematica con farmaci o prodotti naturali, ma si va ben oltre. In pratica, si tratta non di andare a lavorare sui sintomi e sulla malattia, ma sulla causa che l’ha scatenata. Andando a lavorare su quello che l’ha scatenata, e risolvendo il problema, si potrà contare su una cura definitiva alla Psoriasi.

Psoriasi e vitamina D

Un altro sistema a cui spesso si affidano i medici per trattare la malattia è quello dell’assunzione da parte del paziente di un sufficiente quantitativo di vitamina D con questi ottimi integratori.

Perché questo? Molto semplice, la vitamina D agisce sui due sistemi chiave di questa patologia, ovvero i cheratinociti (le cellule della pelle). In pratica, si avrà un rallentamento della crescita incontrollata delle cellule e di quella che è la loro stratificazione.

Il secondo sistema su cui agisce è quello immunitario, andando a regolare l’attività delle sue cellule.

Psoriasi e lampade

L’elioterapia è un trattamento diffuso, in quanto abbiamo già visto che i raggi UV sono ottimali per ridurre la malattia.

Conclusioni

Per concludere il nostro testo, vogliamo consigliare di confrontarsi con altre persone che hanno vissuto o che stanno vivendo il nostro stesso problema, per condividere sensazioni, trattamenti e difficoltà che si stanno affrontando.

Uno dei libri più utili che ci sentiamo di consigliare è Come sono guarito dalla Psoriasi” (di Massimo Bianchessi), testo ricco di testimonianze e di informazioni preziose su come affrontare questa patologia.

Domande Frequenti

Psoriasi e gravidanza: come affrontarla?

E' bene sapere che oltre la metà delle persone che sono affette da Psoriasi durante la gravidanza vedono un significativo miglioramento della situazione, con una riduzione molto elevata delle chiazze sul proprio corpo. E' essenziale però essere seguite fin da subito da un dermatologo esperto, in quanto questo dato ha un rovescio della medaglia, in quanto vi è un 10/20 percento di donne in gravidanza che vedono peggiorare la situazione.

La Psoriasi quanto dura? Curandosi in maniera corretta quando scompare?

La Psoriasi è una malattia frequente e cronica, che dura quindi per tutta la vita. Presenta fasi più acute ad altre di remissione, ma raramente scompare del tutto.

Dove curarsi per la Psoriasi?

Sebbene ci si possa rivolgere ad un qualsiasi dermatologo che conosca bene la patologia, è bene sapere che esistono in Italia centri specializzati nella cura della Psoriasi. Dunque, è bene informarsi bene e provare a fare magari un incontro conoscitivo con il centro per comprendere quali possono essere i passi da fare.

Con la Psoriasi posso fare il vaccino antinfluenzale?

Non solo si può fare, ma è vivamente consigliato dai medici. Questo per un motivo ben preciso, ovvero che il vaccino antinfluenzale è necessario in tutti i soggetti che siano in cura con farmaci immunosoppressori e biologici, questi ultimi tipici dei trattamenti per la Psoriasi.

Chi ha la psoriasi può fare tatuaggi?

I medici sconsigliano vivamente di fare tatuaggi se si è affetti da questa patologia, in quanto vi sono stati molti casi di persone che hanno visto manifestarsi la malattia anche in parti del corpo in cui non l'avevano mai avuta. Alla fine, i medici hanno constatato un peggioramento complessivo del quadro clinico dei pazienti.

Ho la Psoriasi riconosciuta a livello medico, posso chiedere l'invalidità?

La Psoriasi, di fatto, non è una patologia che rientra nella tabella delle malattie che prevedono l'invalidità. Non tutto è deciso però, in quanto se il medico che ci sottopone alla visita ritenesse che la manifestazione è comunque invalidante, può paragonarla alla dermatomiosite o alla polimiosite, che sono entrambe patologie per cui si può ottenere un’invalidità fissa del 35 percento. Nel caso il medico riscontrasse un quadro clinico di gravità maggiore, si può assimilare la Psoriasi alla lassità del ginocchio, che da diritto ad un'invalidità superiore al 50 percento.