Rumori Articolari

Rumori dalle ossa? Dalle articolazioni? Non sono tanto rari, solo che a volte non ci facciamo proprio caso. Sentiamo quel “clic” simile al rumore che fanno le dita quando le “scrocchiamo” e pensiamo che sia un episodio, qualcosa di cui non preoccuparsi. Nel 90% dei casi è così, ma non vanno comunque sottovalutati perché possono nascondere qualche brutta sorpresa. Ufficialmente, i rumori articolari sono causati dall’anomalo sfregamento di tessuti diversi all’interno della articolazione, ne parliamo anche nell’articolo sulle Ginocchia che scricchiolano.

Rumori Articolari

E se i tessuti sfregano tra loro sicuramente c’è qualcosa che non va. Può essere qualcosa di passeggero, o un problema più serio. Se si associano a gonfiore, dolore, deformazione dell’articolazione bisogna indagare meglio. In caso di ferite precedenti, i rumori articolari possono essere dovuti a infiltrazioni d’aria o a contaminazioni batteriche. In altri casi anche solo all’età che avanza.

Certamente, i rumori articolari, se trascurati possono dar luogo a infezioni scatenate che è bene arginare al più presto. Non bisogna entrare nel panico, insomma, ma non si deve nemmeno pensare che tutto si risolva con un piegamento! Ci sono cose da conoscere in dettaglio per capire cosa sono i rumori articolari.

Lenti a contatto Acuvue

Cause dei rumori articolari

I rumori articolari non sono una malattia ma un sintomo. Si manifestano, cioè, quando è in atto qualcosa nel corpo.

Nei casi meno gravi si tratta di bolle d’aria che vengono poi fatte scoppiare dallo stesso movimento dell’articolazione. A volte sono frutto di infiammazioni passeggere. Ma possono anche segnalare la presenza di artriti (reumatoide, giovanile, psoriasica, gottosa), di artrosi, cisti di Baker, entesiti, condrocalcinosi e condromalacia, osteocondrosi, tendiniti, spondilosi cervicale, stenosi cervicale o spinale, gonartrosi, sindome di Reiter.

Proprio per via di una tale varietà di malattie la diagnosi avviene per esclusione e associazione, fino a capire esattamente quale malattia sta causando quei fastidiosi rumori interni. Molte altre malattie si possono associare al fenomeno dei rumori articolari e gli studi per classificarle tutte sono ancora in pieno svolgimento. Comunque è sempre meglio non trascurare troppo a lungo questi segnali.

Sintomi tener d’occhio

Lo scricchiolio di una articolazione non deve creare subito il panico. Perché sia qualcosa di serio, occorre che siano presenti diversi sintomi tutti insieme. E anche in quel caso, non è detto che la diagnosi sia preoccupante! Un “clic” o un “crac” possono risolvere semplicemente una bolla d’aria o una infiammazione passeggera, che nel giro di tre giorni non darà più fastidio. Quando ci si deve preoccupare, allora?

Quando i rumori articolari durano troppo a lungo, ad esempio: per giorni, o settimane. Quando, insieme ai rumori articolari, la persona presenti gonfiore o deformazione dell’articolazione, dolore più o meno intenso, rigidità o impossibilità di muovere l’arto. Nei casi più gravi, quelli per inciso in cui è bene rivolgersi subito a un medico, insieme al rumore articolare sarà presente una sensazione diffusa di malessere, a volte nausea, febbre o vomito.

In alcuni soggetti possono presentarsi anche oppressione al petto, difficoltà respiratorie, confusione generale, pelle della zona interessata che diventa livida. A quel punto, se uno o più sintomi simili si presentano insieme allo scricchiolio anomalo, è d’obbligo avere la consulenza di un medico. E seguire tutte le cure e i trattamenti che egli vi darà.

Rimedi per i rumori articolari

Come detto è il medico l’unico che può capire che genere di rumori articolari sono, a quale malattia si associano e soprattutto come vanno trattati. Risolvere il rumore in sé è davvero la parte meno preoccupante, perché se questo è associato a una malattia bisogna intraprendere una terapia adatta a contrastare quella causa scatenante.

I medici che fanno la diagnosi di una qualsiasi malattia responsabile dei rumori articolari prescriveranno farmaci per curare quella malattia specifica. Dunque potreste ritrovarvi a dover acquistare farmaci contro artriti, artrosi, tendiniti, entesiti, sindromi particolari. O addirittura curare un problema legato alla respirazione!

Nel caso di problematiche meno gravi, ad esempio semplici dolori dovuti alla consumazione dei tessuti interni o all’età, si può tentare prima qualche rimedio naturale e solo dopo, se è il caso, rivolgersi al medico. Agiscono sulle articolazioni gonfie o doloranti prodotti come artiglio del diavolo, curcuma, glucosamina, boswelia o integratori specifici con più principi attivi come questo.

Si possono prevenire?

Si possono prevenire i rumori articolari? Se sono legati a malattie che minano il corpo dall’interno, no, non si può fare. In quel caso, infatti, i rumori articolari sono solo sintomi e questi non si possono conoscere prima che si manifestino. Ma se i rumori sono la causa di problemi legati all’età, a posture sbagliate, a infiammazioni da allenamento eccessivo e simili … in quel caso si può evitare che si manifestino.

Mangiare cibo sano, particolarmente mirato a mantenere sani ed elastici tendini e ossa, può aiutare a rafforzare le articolazioni e dunque ad evitare il dolore e il logoramento. Mangiar sano, inoltre, impedisce che si ingrassi e dunque che il corpo vada a pesare enormemente sulle articolazioni. Inutile dire che l’esercizio fisico, per la prevenzione almeno dei dolori articolari, è fondamentale. Meglio però fare sport che non mettano troppo sotto pressione le articolazioni interessate.

Camminata veloce e sport in acqua sono raccomandatissimi per prevenire quel che si può prevenire!

Si può anche far uso di integratori particolari atti a rafforzare le articolazioni e dunque a renderle più forti contro il logorio. Ad esempio integratori di glucosamina, molto utili allo scopo. Ciò comporterà il mantenimento della loro elasticità e l’assenza sia dei rumori che delle complicanze più gravi legate a questo sintomo.

Come si convive con i rumori articolari

Convivere con i rumori articolari non è complicato. Si tratta di fastidi minimi che non impediscono una vita normale. La presenza di malattie che possono essere causa di tali rumori, però, può rivoluzionare la vita di chi se ne trova improvvisamente interessato. Le artriti, le artrosi, le tendiniti, le malattie respiratorie croniche, sono problemi seri che portano fastidi notevoli.

Di norma si convive, oggi, con malattie simili grazie a trattamenti farmacologici a lungo termine, che diventano “pane quotidiano” per chi vi è sottoposto. Informandosi bene e riconoscendo i sintomi e le tempistiche, però, si può affrontare il problema – a partire dallo strano scricchiolio – senza panico e senza disorganizzazione.

Leave a Reply