Ginocchia che scricchiolano: cause, sintomi, rimedi

195

Le ginocchia che scricchiolano possono significare diverse cose, sia una sorta di passaggio verso la mezza età, che nascondere qualcosa di più.

ginocchia che scricchiolano

Le ginocchia che scricchiolano possono significare diverse cose, sia una sorta di passaggio verso la mezza età, che nascondere invece qualcosa di più. In alcuni casi infatti, sentire il rumore tipo scricchiolìo alle ginocchia può essere il campanello di allarme di un problema più serio come l’artrosi. Prima di creare allarmismi è buona cosa richiedere la visita da uno specialista.

Entriamo adesso nel dettaglio di questa tematica per saperne di più.

Ginocchia che scricchiolano, perché? Ecco le cause

Le cause delle ginocchia che scricchiolano possono essere varie, si distingue intanto quando lo fanno con dolore o senza dolore.

Ginocchia che scricchiolano con dolore

Nel caso in cui il ginocchio scricchiola e fa male, significa che si sta verificando all’interno un aumento di attrito tra le superfici articolari. In parole più semplici, il dolore in questione è provocato dalla cartilagine che si usura.

Si tratta di un problema da non sottovalutare, perché se inizialmente sembra nulla e lo si affronta bene, quando la cosa passa ad uno stadio più avanzato siamo già di fronte ad una artrosi. Trattasi di una patologia degenerativa che sopraggiunge solitamente con l’età avanzata, che è bene distinguere dall’artrite che è una cosa completamente diversa.

L’artrosi consiste nello specifico nell’usura delle articolazioni, che è solitamente sollecitata dal peso e dall’attività fisica, e quando ne siamo affetti le ginocchia scricchiolano sempre. Si tratta di una malattia che oltre alle ginocchia può interessare altre aree del corpo quali anche, spalle, mani, piedi e infine la colonna vertebrale.

Ginocchia che scricchiolano senza dolore

Quando le ginocchia scricchiolano senza dolore, le cause che lo provocano sono difficili da individuare. Una delle ragioni può essere senza dubbio l’ispessimento della membrana che riveste il ginocchio, come anche da quella che si definisce come l’alterazione del rapporto tra la rotula e il femore.

Nel caso in cui le ginocchia scricchiolano quando mi piego (effetto squat), quando mi alzo, oppure semplicemente quando cammino, dipende di fatto da una mancanza di rapporto perfetto tra i due elementi in precedenza citati.

Infatti, sappiamo che la rotula si articola con il femore andando a muoversi all’interno di un solco preciso, e se le cose non procedono alla perfezione si genera uno scricchiolio. Oltre ai tre esempi che abbiamo fatto prima, ovvero camminando o in fase di abbassamento e innalzamento, con un rapporto errato tra rotula e femore il ginocchio scricchiola anche in fase di estensione della gamba.

Infine, la ragione del rumore che avvertiamo può derivare da pregressi prolemi articolari legati alla rottura di legamenti o menischi. Spesso in seguito all’intervento si alterano momentaneamente gli equilibri, e per questo si dice che se il ginocchio scricchiola dopo un’operazione, o in seguito ad un artroscopia, si tratta di una cosa normale.

Rimedi e cosa far se le ginocchia scricchiolano

Una volta che si avverte questo problema ci si deve rivolgere subito al medico, il quale ci invierà da uno specialista.

Quali sono i rimedi per le ginocchia che scricchiolano? Osserviamo da vicino quali sono le cose che si possono fare per risolvere questo problema. Più che delle vere e proprie cure, in questo caso il passo da compiere è quello di fare un’accurata indagine posturale.

Quando le ginocchia scricchiolano, e lo fanno senza dolore, spesso lo specialista per prima cosa procede con uno studio accurato della postura attraverso quello che si chiama esame baropodometrico.

In seguito a questo viene solitamente richiesto alla persona di portare all’interno delle calzature un plantare correttivo (come questo che puoi vedere su Amazon), il quale ha lo scopo specifico di andare a risolvere lo scompenso posturale.

Nel caso in cui si riconosca uno scompenso posturale più serio, ovvero un problema che con il tempo si è cronicizzato, oltre al plantare potrebbe essere necessario intervenire anche con un’accurata fisioterapia.

Nel caso in cui invece vi sia un problema di artrosi, e quindi il rumore delle ginocchia è accompagnato da dolore, il discorso cambia. Intanto, sappiamo che questa patologia è irreversibile, ma sebbene di artrosi non si guarisce, non significa che non esistano trattamenti per cercare almeno di limitare il problema.

Ad oggi infatti, esistono trattamenti medici e fisioterapici che, seppure non abbiano la forza di arrestare il decorso della malattia, riescono a ritardarne lo sviluppo.

Quando siamo di fronte a casi di artrosi grave, è previsto il ricorso all’intervento chirurgico, il quale prevede l’impianto di una protesi.

E’ bene sapere che questa è una soluzione che si prende in considerazione solo nel caso in cui i trattamenti detti “conservativi” non dovessero dare risultati soddisfacenti.

Le terapie

Ecco quali sono le principali azioni che si compiono di fronte ad un’artrosi del ginocchio accertata:

  • Terapia medica.
  • Terapia fisioterapica.
  • Infiltrazioni al ginocchio che vengono fatte per via intrarticolare. Questa terapia viene fatta molto frequentemente quando si è nella prima fase di manifestazione dell’artrosi. Inoltre, è una terapia che si rivela molto utile quando siamo di fronte a pazienti che per qualche ragione non possono sottoporsi all’intervento chirurgico.
  • Utilizzo di una ginocchiera rotulea (come queste).

Ginocchia che scricchiolano: operazione e protesi

Abbiamo parlato di intervento chirurgico quando si è di fronte ad un caso di artrosi molto seria e in cui le articolazioni non rispondono alle cure cosiddette “conservative”. Ecco in cosa consiste l’intervento:

L’operazione abbiamo visto che prevede l’inserimento di una protesi, la quale è nella fattispecie un dispositivo metallico che si sostituisce alle parti degenerate del femore e della tibia. I materiali che si utilizzano per realizzare queste protesi devono essere specifici, in quanto necessitano di rispettare determinati requisiti:

  • Essere molto resistenti.
  • Essere capaci di sopportare i carichi.
  • Essere compatibili con il corpo umano.

Per questa ragione oggi le protesi vengono realizzate nei seguenti materiali:

  • Titanio e le sue leghe: questo perché oltre a possedere i requisiti visti in precedenza, ha la peculiarità di integrarsi all’osso in modo perfetto.
  • Leghe di cromo-cobalto: queste destinate alle componenti sottoposte a scorrimento.
  • Polietilene: utilizzato come rivestimento del piatto tibiale.

Le protesi che vengono utilizzare non sono standard, ma variano in base a diversi fattori, i principali su cui si basa la scelta sono l’età del paziente e il grado di artrosi. Inoltre, la protesi può essere totale (che va ad interessare il ginocchio nella sua totalità), o parziale (che prevede di sostituire solo la parte del ginocchio colpita da artrosi).

Il decorso post-operatorio

Dopo l’intervento è bene tenere di conto di alcune raccomandazioni, ovvero evitare di fare qualsiasi tipo di sforzo, cercare di perdere peso se si ha qualche chilo di troppo e cercare di evitare compiendo le proprie azioni di andare a gravare sul ginocchio nel quale è stata inserita la protesi.

Conclusioni

In conclusione, abbiamo visto che quando le ginocchia scricchiolano non si deve minimizzare il problema, perché le ragioni possono essere di lieve entità come anche nascondere una patologia degenerativa e quindi molto seria come l’artrosi.

Tenendo conto che sebbene non sia curabile è possibile ritardarne il decorso, prima si interviene e più ci si garantisce un futuro migliore per le proprie articolazioni. Dunque, ai primi segnali di rumore che provengono dalle ginocchia è bene rivolgersi subito ad uno specialista.

Fonti: ok-salute.it, ideegreen.itgibaud.it

Articolo PrecedenteElastici Fitness: cosa sono, a cosa servono, come usarli
Prossimo ArticoloPancia Piatta
niklaos2005@gmail.com'
Nicola
Sono un autore multitasking, ossia che ama scrivere a prescindere dal tema che deve affrontare. Da qualche tempo però, avvicinandomi al tema della salute per alcuni blog, questo argomento mi ha conquistato. Il motivo? Un po' perché di natura sono curioso, e scoprire cose nuove grazie alla medicina che avanza mi affascina molto. La cosa però più preponderante, è il fatto che scrivere sul tema salute mi fa sentire parte di quella catena che aiuta le persone a prendere coscienza del proprio corpo, mostrando quali sono le cose da fare e da conoscere per combattere qualsiasi malattia e problematiche varie.