Frutti che abbassano il colesterolo

La colesterolemia è influenzata dal tipo di grassi presenti nella dieta: quelli saturi, di origine animale, provocano l’aumento del colesterolo-LDL, mentre quelli insaturi, di origine vegetale, possono abbassarlo e contribuire ad innalzare l’HDL. Nel nostro articolo infatti andremo a fare un elenco dei migliori Frutti che abbassano il colesterolo.

Frutti che abbassano il colesterolo

Sono da preferire frutti e oli vegetali polinsaturi o monoinsaturi, primo fra tutti l’olio extravergine di oliva, ma anche quelli di semi (soia, girasole, mais, arachidi).

Frutti che abbassano il colesterolo

  • Fragole: Sono un concentrato di numerosi micronutrienti utili per la salute. Le principali proprietà delle fragole è che riducono il rischio cardiovascolare ed un alleato eccellente per la salute del cuore. Riduce il minor rischio di cancro, hanno una potente attività antiossidante, antinfiammatoria e riducono il glucosio e grassi nel sangue;
  • Melone giallo: È ricco di vitamine A, B e C: la vitamina B ha il potere di modificare il cibo in energia, la vitamina A ha un potere antiage, la vitamina C stimola il sistema immunitario, prevenendo raffreddore e influenza e rafforzando i tessuti;
  • Pesche: Esse sono digestive, depurative e sono ottime per la circolazione del sangue. Le pesche sono ricche di fibre, di acqua e sono povere di grassi. È ricca di vitamina C, facilita l’assorbimento del ferro ed è anche fonte di sali minerali, come il potassio che regola il battito cardiaco e la pressione sanguigna;
  • Albicocche: Contribuisce al controllo degli zuccheri nel sangue, quindi alla prevenzione dell’insulino-resistenza e del diabete;
  • Mandarini: È ricco di vitamina C, contiene anche vitamine del gruppo B, vitamina A, vitamina P, magnesio, potassio, calcio e ferro;
  • Ananas È ricca di Vitamina C, buono quello di tiamina, folati, vitamina B6, di rame, calcio e magnesio. Le proprietà di questo frutto derivano soprattutto da una sostanza in esso presente: la bromelina. La bromelina ha anche delle proprietà antinfiammatorie, riduce la formazione di trombi, migliora la circolazione sanguignae protegge il cuore;
  • Ribes: La buccia è ricchissima di sostanze antiossidanti e svolgono un’azione antinfiammatoria e protettiva nei confronti delle arterie, soprattutto contro i danni da un eccesso di colesterolo nel sangue;
  • Avocado: Aiuta a riequilibrare i trigliceridi per ridurre il rischio di malattie cardiocircolatorie ed è ricco di vitamina A, C ed E;
  • Melograno Contiene una sostanza chiamata punicalagina che aiuta ad eliminare le tossine dal sangue con grande velocità;
  • Limone: La scorsa di limone ha un elevato contenuto di vitamina C e flavonoidi, pulisce i vasi sanguigni, diminuisce il livello di colesterolo cattivo nel sangue e diminuisce la pressione arteriosa. La scorsa di limone contiene calcio e altri minerali che rafforzano le ossa. Grazie all’alto contenuto di antiossidanti, protegge e decongestiona il fegato, eliminando le tossine e le impurità;
  • Prugna È ricca di fibre e potassio che abbassano la pressione sanguigna e aiutano la digestione;
  • Frutto della passione: L’elevata presenza di ferro ed è ideale per chi soffre di anemia;
  • Kiwi: ricco di vitamina C, K, E, folato, pectina, potassio e fibre, è un ottimo alleato per abbassare il colesterolo cattivo e alzare i livelli di quello buono.

Anche integratori alimentari come questo possono essere di aiuto.

Altri alimenti e consigli per abbassare il colesterolo

In generale c’è da dire che ogni eccesso è sbagliato, ci sono alcuni frutti che dovrebbero essere evitati o limitati quando si ha il colesterolo alto, bisogna avere uno stile di vita sano, fare attività fisica in maniera costante, riposare bene o migliorare la qualità del sonno, bere molta acqua e preferire sempre un’alimentazione sana; leggi anche il nostro articolo di approfondimento su Cosa mangiare per abbassare il colesterolo. Ovviamente la prima cosa è quella di farsi seguire dal proprio medico, da uno specialista o da un nutrizionista.

Pesce azzurro

La ricchezza di omega tre rende questo il pesce azzurro indicato anche per chi ha problemi di colesterolo. Anzi, un consumo di almeno 2-3 volte alla settimana è addirittura consigliato, con preferenza per il pesce di piccole dimensioni come quello azzurro come sardine e sgombro cucinandolo al forno, al cartoccio, al vapore e evitando il più possibile le fritture. Fanno eccezione i molluschi e crostacei, il cui consumo è da limitare;

La carne

La carne può fare parte della dieta, con preferenza della bianca, ma deve provenire da un taglio magro e privato del grasso visibile. Il pollame invece deve essere senza pelle;

I formaggi

Con moderazione possono essere consumati formaggi freschi. Il formaggio di capra è tendenzialmente meno grasso. Quello con la più bassa percentuale di colesterolo è il caprino fresco;

Cucinare senza grassi

La bollitura, la stufatura, il vapore, e la cottura al forno tradizionale e a microonde o la grigliatura sono tutte tecniche di cottura da preferire alla frittura.

Leave a Reply